Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Madonna dei Sette Dolori, domani la processione

Condividi su:

“Saranno migliaia domani, domenica primo giugno, i fedeli che, come da tradizione, parteciperanno alla lunga e solenne processione della statua della Madonna dei Sette Dolori, un momento fortemente sentito dalla comunità quale simbolo della nostra territorialità e della fede. Una processione che vedrà la presenza delle Istituzioni, partecipe degli eventi della propria cristianità, e insieme accompagneremo la statua della Madonna tra quelle strade della Circoscrizione Colli per testimoniare la nostra vicinanza e partecipazione”.

Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia ufficializzando i momenti salienti, domani, della Festa della Madonna dei Sette Dolori a Pescara.

“Ogni anno l’emozione è forte nel vedere la partecipazione cittadina a una tradizione in cui si ritrova la fede più autentica. Ed è struggente vedere tante mamme che rivolgono il proprio sguardo verso la Madonna che tutto vede e consola – ha detto il sindaco Albore Mascia che ieri ha partecipato al primo momento solenne della festa con l’esposizione della statua all’interno della Basilica -. La celebrazione della Madonna dei Sette Dolori non è solo tradizione, rito o ‘festa’, ma è un momento speciale dell’anno in cui emerge la fede della città che puntuale si ritrova semplicemente per toccare quella statua che diventa un lenitivo per le proprie sofferenze, un momento tanto più importante oggi, quando tante famiglie stanno attraversando un periodo difficile della propria esistenza, e cercano nella fede la speranza per uscire dai propri problemi, famiglie alle quali l’amministrazione comunale rinnova la propria vicinanza, e il proprio sostegno”.

Domani, domenica primo giugno, il programma religioso della festa prevede la celebrazione delle Sante Messe alle 6.30, alle 8, alle 9.30, alle 10.45, alle 12 e alle 16.30;

alle 9 e alle 20 è prevista l’esibizione per le vie della Parrocchia del Complesso bandistico ‘Città di Penne’ con le Majorette;

alle 17.30 ancora una Santa Messa celebrata dal Reverendo Padre Provinciale dei Frati Cappuccini Carmine Ranieri e a seguire, intorno alle 18.30, prenderà il via la Processione della Statua della Madonna che prenderà le mosse dalla Basilica per poi proseguire su Strada Vecchia della Madonna, via Valle di Rose, via del Santuario, per rientrare in Basilica.

E alle 21.30 è previsto il concerto del gruppo Nuvole di Rock ‘Moda’ Cover Band.

Intanto per consentire lo svolgimento delle celebrazioni sono stati adottati alcuni provvedimenti di limitazione del traffico che resteranno in vigore sino a lunedì 2 giugno compreso, ossia divieto di transito, sosta e di fermata con rimozione forzata nelle seguenti strade: in via Del Santuario, dal bivio con via Ciattoni sino alla Basilica; via Conte Genuino, da via Colli Innamorati sino alla Basilica; in strada Vecchia della Madonna, da Largo Madonna; via Salita Cellini, da via Colli Innamorati sino alla Basilica; via Di Sotto, da via Palmerini alla Basilica; via Salita Tiberi, da via Colle di Mezzo alla Basilica; in via Piana di Voltigno, da via Colle Innamorati a Strada Vecchia della Madonna; su tutta la piazza di Largo Madonna; e, infine, in via Monti di Campli, da via del Santuario a strada Vecchia della Madonna. I divieti non interesseranno gli autobus urbani, i taxi, i mezzi della Polizia e di soccorso. I provvedimenti di chiusura delle strade al traffico resteranno in vigore ancora domani, domenica primo giugno dalle 6 all’una e, infine, lunedì 2 giugno dalle 6 alle 2. I residenti sono già stati opportunamente informati grazie alla segnaletica installata da giorni e potranno lasciare la propria auto nelle zone di parcheggio a monte o a valle per poi raggiungere a piedi l’area della festa. Durante la festa ci saranno gli opportuni servizi di controllo e supporto garantiti dalla Polizia municipale, che assicureranno la vigilanza anche sul posizionamento delle tradizionali bancarelle che dovranno lasciare un corridoio di almeno 3,5 metri per il transito dei mezzi di pubblica sicurezza e di soccorso”.

Condividi su:

Seguici su Facebook