Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Lunedì del Delfino

Manca ancora qualcosa per essere competitivi nei play off

Condividi su:

Dopo l’importantissima affermazione di martedì scorso contro il Cesena, un 1-0 molto convincente sotto diversi aspetti, che di fatto ha riaperto definitivamente i giochi per la conquista del terzo posto finale, forse la gara meno adatta da affrontare era proprio un derby, purtroppo il calendario aveva deciso diversamente per il Delfino.

In quel di Teramo si è visto un Pescara a tratti discontinuo, spesso in affanno contro la determinazione dei padroni di casa, ma soprattutto non incisivo in fase offensiva. Vero è che, alla luce della contemporanea sconfitta della Virtus Entella a Grosseto e in attesa del match clou di stasera fra il Cesena e la vice capolista Reggiana, con i granata determinati a conquistare i tre punti per rimanere nella scia del Modena, lo 0-0 faticosamente conquistato contro i cugini biancorossi, rappresenta comunque un buon risultato per gli uomini di Auteri. Le prossime e ultime cinque gare da disputare, a partire da domenica prossima in casa con il Pontedera (seguiranno poi Lucchese, Grosseto, Pistoiese e Imolese) saranno tutte abbondantemente alla portata dei biancazzurri, che in teoria potrebbero conquistare, con la dovuta determinazione, tutti i quindici punti in palio, garantendosi così il già citato e tanto ambito terzo posto, al termine della stagione regolare.

Non è quindi il pareggio a reti bianche a destare preoccupazioni, anche perché l’essere nuovamente usciti imbattuti e senza subire reti, dimostra come almeno la difesa sembra aver finalmente trovato le giuste contromisure agli avversari di turno. Ciò che invece dovrebbe far risuonare un campanello d’allarme è l’incapacità, almeno apparente e finora, di riuscire a mantenere un costante alto livello d’intensità fra una partita e l’altra. I play off, lo ricordiamo, premieranno una sola squadra, fra le trenta partecipanti, quindi non solo la più forte, ma anche quella che riuscirà a disputarli senza mai abbassare la guardia: turno dopo turno, o si andrà avanti fino alla finale o si uscirà e se ne riparlerà l’anno prossimo. 

Questi ultimi match, di cui tre saranno disputati fra le mura amiche, rappresenteranno, quindi, anche un più che ottimo allenamento, fisico e mentale, per le decisive sfide che decreteranno la quarta promozione in serie B. Il tutto, naturalmente, ci duole doverlo ricordare, al netto della questione plusvalenze, che potrebbe, ahinoi, ribaltare i risultati conseguiti sul campo.

In chiusura di questo articolo, ci piace ricordare che è in corso un contest indetto dalla RAI, per decretare “Il borgo dei borghi”. L’Abruzzo compete con la splendida Navelli. Una sua eventuale vittoria rappresenterebbe un successo per tutta la regione. Invitiamo pertanto tutti i lettori, i tifosi e gli sportivi a votare e promuovere questa competizione, tramite il seguente link:  https://www.rai.it/borgodeiborghi/Vota-il-tuo-Borgo-dei-Borghi-2022-3c2b52ac-93ea-4fd2-9f01-d5f8b4fa4fa3.html

Condividi su:

Seguici su Facebook