Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Spazio Donna: Claudia Ciccotti Architetto/Designer ed imprenditrice di successo

“Dove c’è poco si può fare tanto! Le assenze ed i vuoti sono delle Opportunità!”

| di Anna Rita Rossini
| Categoria: Interviste | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Ci troviamo nello studio dell’architetto/​designer ed imprenditrice Claudia Ciccotti, e veniamo avvolti da un atmosfera di creatività, benessere ed equilibrata raffinatezza, un misto di femminilità e sostanza, nella maestranza e nel possesso di competenze ed abilità creative del tutto superiori alla media!

Non a caso infatti Claudia Ciccotti e’ la fondatrice ed ideatrice di due importantissimi  premi:

Premio design Abruzzo (PDA) giunto alla sua seconda edizione (2013/2015), con cadenza biennale;

Premio Nazionale Design Nautico alla sua prima Edizione nel 2015.

 “Entrambi i premi, hanno lo scopo di affinare il gusto del bello e la cultura del design, soprattutto nei ragazzi, è importante educarli al bello e al funzionale per avere poi adulti che sappiano ricercarlo, ed apprezzarlo. I premi nascono anche dalla volontà di mettere in rete i progettisti, allo scopo di favorire sinergie e collaborazioni tra loro e le nostre aziende produttrici, per realizzare all’interno del nostro territorio innovazione e sviluppo, ed evitare che i nostri talenti vadano in fuga verso altre realtà più mature e pronte ad accoglierli senza che nessuno di noi ne abbia avuto cognizione, quindi per  creare un made in Abruzzo. Il Premio Design Abruzzo, nella sua prima edizione 2013, ha voluto dare un riconoscimento ai progetti di design più significativi realizzati nella regione, con la finalità di promozione e valorizzazione dei migliori nel territorio abruzzese,  nella edizione 2015 si è aperto il concorso a professionisti e studenti di tutta Italia, messi a confronto su un tema che ha suscitato grande interesse: banco-sedia per la scuola. In giuria, tra importanti nomi del design e della progettazione italiana, anche Vastarredo, azienda abruzzese specializzata in arredi scolastici che ha mostrato interesse per la produzione di uno dei progetti in concorso.”

 Il premio Nazionale Design Nautico,  

dedicato ai natanti sotto i 10 metri, 

è ideato e curato da Claudia Ciccotti Design srls,

​ ​promosso da Camera di Commercio di Pescara, Marina di Pescara ed Assonautica​ Pescara, e patrocinato da Assonautica Italiana..

 ​Presentato nella sua prima edizione all'interno di SOTTOCOSTA 2015, 

Salone Nautico di Pescara 

dove Claudia Ciccotti, in qualità di consulente​ per la Camera di Commercio di Pescara e Marina di Pescara  è ideatrice e curatrice del

Salone delle Idee e dell’Innovazione

​.Oggetto del Premio ​nella I Edizione del 2015, il R​estyling del Moscone, o pattino, tipico natante da diporto a remi delle località turistiche balneari italiane, costituito da due scafi paralleli uniti tra loro da traverse che sostengono i sedili, principalmente utilizzato per il salvataggio e lo svago in mare.

“ Il  moscone è un approccio al mare alla portata di tutti,  nell’immaginario collettivo riporta alla spensieratezza di estati passate, ad avvalorare il concetto che andare per mare non è solo un lusso per pochi ma può e deve essere un beneficio per tanti esattamente come il buon design”.

Ma chi è Claudia Ciccotti? nasce a Pescara, dove vive e lavora come titolare dell’omonimo studio di Industrial Design. Si laurea con lode presso la Facoltà di Architettura di Pescara con tesi sperimentale in Disegno Industriale per la Nautica. Durante gli studi si trasferisce a Venezia dove frequenta i corsi di Fotografia, Scenografia e Museografia. A Pescara frequenta il corso di Edilizia Sacra, collabora con lo studio dell’Arch.Pino Scaglione e per diversi anni lavora come redattrice della rivista italiana d’Architettura “d’A”, partecipando alla biennale di Architettura di Venezia nel 1996, al Congresso Internazionale sull’Architettura del Mediterraneo a Palermo nel 1998 e a molti altri eventi importanti e formativi. Qualificate le collaborazioni in qualità di consulente aziendale, con funzioni dirigenziali con multinazionali come Eriksson e Nokia, per la progettazione di stazioni radio base. Nel 2014 partecipa alla prima Biennale Internazionale della Creatività Italiana a Verona, alla quadriennale “La Palma d’Oro per l’Arte” a Monte Carlo, alla triennale di Arti Visive “Last Paradise” di Roma,al  Premio Internazionale per la Cultura di Palermo ​con il suo ultimo brevetto:

Il Calice Swan.

Riceve il Premio della Critica 2014, Palermo maggio 2014;

Premio la Palma d’Oro per l’Arte, Monte Carlo s​ettembre 2014.

Premio Artista dell'anno, Cesenatico giugno 2015  e 

Premio Artista dell'anno  Palermo  gennaio 2016​  

 Il calice Swan e’ realizzato in cristallo certificato e garantito con oltre il 24% di piombo, uno dei migliori cristalli al mondo, lavorato manualmente nella prestigiosa cristalleria Italiana di Collevilca, in Colle Val d’Elsa (SI). Il calice Swan è pubblicato su riviste di arte e di economia, con importanti recensioni, ed è stato richiesto per esposizioni dalle principali gallerie d’arte italiane ed europee.

A questo punto, a fronte di una così brillante carriera le chiediamo cosa si sente di consigliare alle altre donne per riuscire nei propri obiettivi professionali. E come conciliare i tempi e i ritmi incalzanti di un importante lavoro con gli affetti.

Claudia Ciccotti, sfodera un sorriso rassicurante, e risponde evidenziando in maniera ancora più netta la natura poliedrica e piena della sua completa e brillante personalità di artista, imprenditrice, donna e madre.

“Autoconsapevolezza tenacia e forte motivazione sono fondamentali​ per le donne, mi muovo in un ambiente prevalentemente maschile, dove la presenza femminile è appena tollerata, ma solo se rimane al margine, quindi il consiglio è di non abbattersi, portare avanti le proprie idee sulla strada della realizzazione e non fermarsi davanti agli ostacoli il raggiungimento del risultato atteso sarà ancora più gratificante. Nella conciliazione dei tempi cerco l’equilibrio perennemente tra gli impegni ed il tempo da dedicare a me stessa ed ai miei cari, poiché con loro e con mia figlia in particolare condivido tutto ed a lei vorrei trasmettere​ l’insegnamento che l’impegno ed il sacrificio alla lunga vengono ripagati!”

Anna Rita Rossini

Contatti

redazione@notssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK