Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Pescarese in pole position con l'Aquilano nella guida "Osterie d'Italia 2015"

Slow Food pubblica la guida 2015 al mangiar bene e spendere poco con 5 chiocciole abruzzesi

la redazione
Condividi su:

Si rinnova, per il 25° anno, la guida al mangiare bene e spendere poco delle Osterie d'Italia 2015 di Slow Food.

Nella guida sono segnalati 1733 locali in tutta Italia contraddistinti da 5 simboli:

Chiocciola: le migliori osterie che più di altre entusiasmano per ambiente, cucina e accoglienza (quest’anno a 241 locali)
Formaggio: i locali che presentano la migliore selezione di caci (199)
Bottiglia: le osterie con le cantine più fornite e rappresentative della regione (383)
Annaffiatoio: le osterie con un orto di proprietà
Insalatiera: locali che propongono menù vegetariani. 

La segnalazione di maggior pregio è sempre la Chiocciola che premia nel bel paese 241 locali. Di questi 5 sono abruzzesi suddivisi in 2 nel Pescarese, 2 nell'Aquilano, 1 nel Teramano mentre mancano Chiocciole nel Chietino.

Nel Pescarese resiste, inossidabile come sempre, lo storico Taverna 58 a Corso Manthoné a Pescara e a Picciano troviamo Font'Artana in Piazza Duca degli Abruzzi, 8.

Queste le 5 chiocciole abruzzesi:

Taverna 58 Pescara (PE)
Font’Artana Picciano (PE)
Taverna de li Caldora Pacentro (AQ)
Sapori di Campagna Ofena (AQ)
Zenobi Colonnella (TE)

Condividi su:

Seguici su Facebook