Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Broker online: da eToro a Plus500, ecco i migliori per investire oggi

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Tra il 2020 e il primo semestre 2021 molti broker online hanno ottenuto un forte incremento di clienti, registrando una crescita significativa nel settore dei servizi finanziari di trading online. 

Secondo i dati ufficiali forniti dalle aziende, l’anno scorso c’è stato un aumento di oltre 11 milioni di clienti in Europa, con una crescita del 38% per eToro, un incremento del 236% per Capital.com e il superamento di 1 milione di trader iscritti per Plus500.

Nei primi mesi del 2021 è stato rilevato un andamento sempre positivo, nonostante dopo il boom del 2020 la crescita è stata più moderata, con un numero sempre più elevato di persone che scelgono di iniziare a investire online in modo autonomo. Oggi i principali player del settore propongono infatti condizioni economiche accessibili, servizi personalizzati e tecnologie user-friendly per operare sui mercati finanziari in modo più semplice e intuitivo.

Inoltre, molti broker di trading online hanno ampliato l’offerta di servizi per il trading di criptovalute, asset molto gettonati dai trader retail, con funzionalità integrate che vanno dal copy trading ai segnali di trading. Naturalmente è importante scegliere il broker adatto con attenzione, valutando in maniera accurata la proposta dell’intermediario per trovare l’opzione più adeguata rispetto alle proprie esigenze in ambito finanziario.

Come scegliere il broker online migliore

Come evidenziato nella guida sui migliori broker online realizzata dall’equipe di trader esperti e consulenti finanziari di Finaria, nella scelta dell’operatore per investire online è necessario valutare una serie di requisiti essenziali. 

Il primo aspetto è il controllo delle regolamentazioni, verificando se l’azienda è autorizzata ad operare in Europa e in Italia. L’impresa infatti deve essere in possesso di una licenza valida, inoltre deve essere monitorata dalla Consob e godere di una reputazione impeccabile nell’ambiente per evitare rischi.

Il secondo punto indicato dagli esperti è l’analisi delle commissioni di trading, valutando i costi applicati dal broker in termini di spread sugli eseguiti, eventuali tariffe fisse e costi di overnight per mantenere le posizioni aperte oltre la giornata di contrattazioni. È fondamentale che il broker proponga un conto demo, uno strumento indispensabile per sperimentare la piattaforma di trading e cominciare a praticare l’attività finanziaria in un ambiente sicuro.

I controlli successivi riguardano invece la qualità del servizio di assistenza, il quale deve essere efficiente e rapido, la presenza di recensioni positive sul web e la disponibilità di app per il trading da mobile. Al giorno d’oggi, infatti, oltre alla piattaforma desktop per il pc è importante che l’intermediario proponga anche un’app per smartphone e tablet, per monitorare i mercati in qualsiasi momento e scegliere la modalità d’investimento più adatta in ogni circostanza.

Successivamente è necessario valutare anche il processo di registrazione, preferendo i broker che a parità di servizio mettono a disposizione un’interazione facile e veloce, per concludere ogni operazione rapidamente e senza troppa burocrazia. Anche il regime fiscale amministrato è senza dubbio un punto da non sottovalutare, poiché i broker che offrono il servizio di sostituto d’imposta garantiscono un vantaggio in più, realizzando per conto dei trader una serie di adempimenti fiscali.

L’importanza del broker giusto in base al tipo d’investimento

Molti broker online propongono tantissimi servizi d’investimento, mettendo a disposizione dei clienti soluzioni per il trading CFD e la compravendita di criptovalute, azioni e ETF. Tuttavia non bisogna lasciarsi confondere da una proposta spesso simile ad una prima valutazione, in quanto ogni intermediario è specializzato in alcuni settori specifici. Per questo motivo è importante considerare il tipo di investimenti che si vogliono effettuare, scegliendo di conseguenza il broker più adeguato.

Ad esempio, per investire in azioni una soluzione da valutare è senz’altro eToro, poiché il broker israeliano offre la possibilità di negoziare azioni e ETF senza pagare commissioni di intermediazione. Per il trading CFD aziende molto apprezzate sono Capital.com e Plus500, in grado di fornire spread competitivi, strumenti avanzati per l’analisi tecnica, funzionalità professionali per la gestione del rischio e piattaforme ottimizzate per operare sugli asset con i contratti per differenza.

Allo stesso modo, bisogna analizzare la proposta del broker in base al proprio livello, poiché si possono trovare soluzioni più adatte per i principianti come eToro, oppure servizi più indicati per i professionisti come DEGIRO e Interactive Brokers. La scelta del broker migliore è sicuramente una decisione delicata, da prendere con la giusta consapevolezza utilizzando tutto il tempo necessario per effettuare le proprie ricerche, per essere certi di rivolgersi all’intermediario più adatto e affidabile.

Contatti

redazione@notssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK