Ieri la processione di San Cetteo, le dichiarazioni di Mascia

| di Francesco Spina
| Categoria: Attualità
STAMPA

“L’emozione del ritrovarsi uniti, nel segno della comunità, attorno alla figura del Santo Patrono, San Cetteo, che come da tradizione ha attraversato la città, da Porta Nuova al centro, impartendo la propria benedizione sul nostro fiume e sull’intero territorio. Si è ripetuto come ogni anno anche questa sera il rito della processione della statua del Santo, un momento di profonda riflessione su una celebrazione che affonda le proprie radici nella storia della città”.

Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia che questa sera ha preso parte, come di consueto, alla tradizionale processione della festa di San Cetteo. Dopo la celebrazione della Santa Messa, officiata a partire dalle 18, dall’arcivescovo di Pescara-Penne, Monsignor Tommaso Valentinetti, con l’abate generale Don Francesco Santuccione e Don Giuseppe Natoli, alle 19.15 è partito il corteo religioso con l’abate generale Don Francesco Santuccione, seguito dalle autorità cittadine, tra cui, oltre al sindaco Albore Mascia, anche il Presidente della Provincia Guerino Testa, il Prefetto di Pescara Vincenzo D’Antuono il capogruppo del Pdl Armando Foschi e Roberto Petri. Ma a seguire la statua del Santo, portata a spalla dagli scout con la scorta dei Carabinieri in alta uniforme, sono state, come ogni anno, oltre un migliaio di persone riunite in un silenzioso raccoglimento, scandito solo dalla preghiera. Il corteo religioso, guidato dallo stesso Arcivescovo Valentinetti, lasciata la cattedrale, ha attraversato via Gabriele D’Annunzio, il Ponte D’Annunzio, per poi snodarsi lungo via Caduta del Forte, corso Vittorio Emanuele, il Ponte Risorgimento, con la tradizionale sosta e benedizione al fiume, e quindi ha ripreso il proprio cammino in via Marconi, via Conte di Ruvo e di nuovo via Gabriele D’Annunzio con rientro in cattedrale tra due ali di folla.

“Ancora una volta – ha detto il sindaco Albore Mascia – abbiamo rivissuto la commozione generale della città riunita attorno a uno dei suoi simboli religiosi: Pescara ha saputo riscoprire e ritrovarsi nella tradizione delle celebrazioni di San Cetteo, il protettore di Pescara che nella preghiera, nella riflessione profonda offerta da tali eventi della fede, sa ogni volta rinnovare la propria unità come territorio, come comunità che conosce i valori della solidarietà, della mutua assistenza, del reciproco aiuto, valori che sono alle fondamenta di una società civile”. Poco dopo le 20 la processione ha concluso il proprio cammino all’interno della Cattedrale, per poi proseguire con gli eventi della sera e i fuochi pirotecnici previsti intorno alla mezzanotte. “La festa si concluderà domani, venerdì 11 ottobre – ha detto il sindaco Albore Mascia – con le ultime celebrazioni religiose: alle 16.30 si svolgerà in Cattedrale il Convegno diocesano ‘Gruppi di Preghiera di Padre Pio’; alle 18 si svolgerà la Celebrazione presieduta da Monsignor Tommaso Valentinetti e da Monsignor Michele Castoro, arcivescovo di Vieste-Manfredonia-San Giovanni Rotondo”.

Francesco Spina

Contatti

redazione@notssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK