Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

CliniMacs Prodigy, nuova 'arma' contro i tumori ematologici alla Asl di Pescara

Capofila della donazione l'Ail Pescara-Teramo. Il sindaco Masci: "Un circolo virtuoso bellissimo"

redazione
Condividi su:

Si chiama CliniMacs Prodigy la nuova arma contro i tumori ematologici, in dotazione alla Asl di Pescara.

A donarla è stata l’Ail Pescara-Teramo presieduta dall’Avv. Domenico Cappuccilli.

Il macchinario servirà a manipolare, in futuro, le cellule CAR-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell) e la consegna è stata salutata con una breve cerimonia tenutasi nei laboratori dell'Istituto dei Tessuti e Bio-Banche dell'ospedale Santo Spirito, alla presenza dell'arcivescovo, monsignor Tommaso Valentinetti, che ha impartito la benedizione rivolgendo un pensiero a tutti i malati, del sindaco Carlo Masci, del direttore facente funzioni della Asl Antonio Caponetti, dei direttori del'Unità operativa complessa (Uoc) Centro trasfusionale, dottoressa Patrizia Accorsi e dell'Uoc di Ematologia Clinica, dottor Antonio Spadano, dei responsabili dell'Istituto Tessuti e Bio-Banche dottoressa Tiziana Bonfini e dell'Uosd Centro Diagnosi e Terapia Linfomi, dottor Francesco Angrilli, del docente di Ematologia all'Università "G. D'Annunzio" e dirigente medico dell'UOC di Ematologia, professor Mauro Di Ianni, di Nicoletta Di Gregorio, presidente della Fondazione Pescarabruzzo, di funzionari dell'Ubi Banca, rappresentanti del Rotary Pescara, volontari della onlus e personale ospedaliero.

"Vorrei evidenziare la strettissima collaborazione che c'è tra l'istituzione e le associazioni di volontariato che operano all'interno dell'ospedale - ha sottolineato il sindaco Masci - L'Ail, facendo da capofila e coinvolgendo altri soggetti privati che danno il loro contributo al territorio, è riuscita ad abbattere i costi di un'operazione importantissima per la vita dei malati. Solidarietà, voglia di fare e volontariato ci sono,ma c'è anche la capacità per intercettare le risorse per fare in modo che attività di questo genere si riescano a concludere. C'è stato un circolo virtuoso bellissimo".

Condividi su:

Seguici su Facebook