Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Venerdì e sabato Pescara scelta come location per il centenario sulla grande guerra

Da d'Annunzio a Volpe, l'interventismo e l'Abruzzo nel Primo conflitto mondiale

La redazione
Condividi su:

Docenti, scrittori e storici illustri si incontreranno a Pescara per partecipare a una due giorni interamente dedicata al Centenario della Prima Guerra mondiale. In occasione della speciale ricorrenza, il Comitato storico-scientifico per gli Anniversari di interesse nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha organizzato l'evento 'Quando un popolo si scoprì Nazione - Conoscere la guerra per amare la pace' che partirà domani, 27 Novembre, e proseguirà sabato 28 presso la sede ex Aurum a Largo Gardone Riviera.

Tanti i dibattiti in programma per riflettere su temi salienti dell'interventismo culturale, in relazione alla storia politica e civile dell'Italia, ma anche in rapporto con lo scenario internazionale. Un approfondimento a parte sarà dedicato alle figure di tre grandi abruzzesi: Gioacchino Volpe, lo storico della prima guerra mondiale e testimone diretto egli stesso in guerra, Gabriele d'Annunzio, Poeta Soldato per antonomasia, Benedetto Croce, il filosofo che non sposò la causa dell'intervento e distinse il suo pensiero dall'idealismo militante di Giovanni Gentile ma anche di Papini e Prezzolini. A conclusione della prima giornata di dibattiti sarà possibile assistere, in anteprima in Abruzzo, alla perfomance teatrale 'Grande serata futurista' di e con Massimiliano Finazzer Flory. Lo spettacolo, tratto dai testi di Filippo Tommaso Marinetti e di Giovanni Papini che hanno segnato le tappe della rivoluzione del movimento d'avanguardia nei diversi campi del sapere e delle arti, sarà arricchito anche da momenti di danza contemporanea.

Condividi su:

Seguici su Facebook