Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Inquinamento significa anche occupazione della spiaggia

WWF, Marevivo e Legambiente intervengono sulla manifestazione di Confcommercio Pescara

| di WWF Italia Onlus Abruzzo
| Categoria: Ambiente | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Legambiente, Marevivo e WWF apprezzano l'iniziativa di Confcommercio Pescara che, con tutte le categorie di balneatori, albergatori e operatori commerciali, sta organizzando la manifestazione "Vogliamo il mare pulito" per lunedì 15 febbraio prossimo. Una richiesta sacrosanta, rivolta a chi, nella fattispecie la Regione, dovrebbe garantire il buon funzionamento dei depuratori e di chi, l'ARTA, dovrebbe adeguatamente controllarli. Legambiente, Marevivo e WWF osservano tuttavia che l'inquinamento non è dato soltanto dalla presenza di colibatteri nelle acque di balneazione.

"Inquinamento" gravissimo è anche la progressiva occupazione della spiaggia con concessioni sempre più estese, la negazione della vista mare ai cittadini, la insignificante percentuale di spiagge libere (a Pescara appena il 9%) a disposizione di chi non vuole o non può affittare un ombrellone, l'intenzione di ricavare stanze da affittare sull'arenile...

Producono insomma  "inquinamento", e gravissimo, anche un piano demaniale comunale, e quello regionale che lo ha preceduto, concepiti molto più a tutela degli interessi di una categoria che non della totalità dei cittadini.

"Troviamo contraddittorio – spiegano le associazioni – battersi contemporaneamente per la tutela delle acque di balneazione e in difesa di uno strumento urbanistico che, nel testo attualmente in discussione, avrebbe effetti negativi per quelle stesse acque. Non sfileremo lunedì 15, pur condividendo la preoccupazione per mare e fiumi sempre più abbandonati a se stessi. Ci saremo invece se i balneatori faranno un passo indietro rispetto a un piano demaniale che palesemente danneggia il mare e la collettività dei cittadini. Per poter sfilare tutti insieme bisogna sì chiedere alla Regione e ai Comuni di preoccuparsi della tutela ambientale, ma di farlo a livello complessivo, contrastando l'inquinamento in tutte le sue forme, chimico, batteriologico e da occupazione del suolo".

WWF Italia Onlus Abruzzo

Contatti

redazione@notssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK